Marcialonga: un successo nonostante pioggia

Ieri a Predazzo si è disputata la 12ª edizione della Marcialonga-Craft, una delle sfide più dure d’Italia. Merito dei colli mitici della Val di Fiemme e di Fassa. Due i percorsi, 135 e 80 chilometri, con dislivelli rispettivamente di 3.279 e 1.894 metri. In gruppo anche i campioni dello sci, Cristian Zorzi e Manfred Moelgg.
La gara si è aperta sotto uno splendido, ma in tarda mattinata, sui passi dolomitici, la pioggia si è fatta sentire tutto più difficile per i ciclisti. Nessun problema sotto il punto di vista organizzativo, a riprova di un evento che ha ormai raggiunto una maturità assoluta, certificato anche dagli iscritti.
«Con Marcialonga si parla sempre di volontari – ha detto a fine gara Davide Stoffie, il nuovo general manager Marcialonga – ma è proprio così, senza di loro non saremmo nulla. Mi piacerebbe coinvolgere qualche giovane in più, dobbiamo capire come farli innamorare di Marcialonga come me ne sono innamorato io».
L’anno prossimo l’evento si disputerà il 30 giugno.

LE CLASSIFICHE
Lungo
Uomini

1° Stefano Cecchini (Scott Granfondo) in 4 ore 03’17”; 2° Domenico Romano (Biemme Garda Sport) a 4’04”; 3° Luigi Salimbeni (Trz Zenato Famila) a 4’35”.

Donne

1ª Monica Bonfanti (Rodman Azimut) in 4 ore 55’32”.

Corto
Uomini

1° Riccardo Zanrossi (Team Highroad) In 2 Ore 15’29”; 2° Andrea Pontalto (Alé Cipollini Galassia); 3° Alessio Pareschi (Gianluca Faenza).

Donne

1ª Jessica Leonardi (Lapierre Trentino) in 2 ore 34’57”.

Predazzo (Tn) – 1.600 iscritti
Percorsi di 135 e 80 chilometri