Van Avermaet in giallo, Nibali dente avvelenato

La Bmc vince la cronosquadre, forse l’ultima della sua gloriosa tradizione (se è vero che a fine anno il team di Jim Ochowitz chiuderà i battenti), il Team Sky e la Mitchelton consentono ai rispettivi leader Froome e Yates di riguadagnare terreno, mentre Nibali si trincera dietro un adirato silenzio, rimasto da metà gara in poi con Pozzovivo e i due fratelli Izagirre, consapevole che un minuto di ritardo sia troppo e sia dipeso dal rendimento meno brillante di alcuni uomini attesi e invece opachi.
La cronosquadre di Cholet emette sostanzialmente questi verdetti. I 35,5 chilometri del percorso si sono rivelati meno scorrevoli di quanto si pensasse e le ultime due salitelle (erano tre in tutto) hanno guastato il piano di tanti trenini, costretti in modo davvero inatteso a perdere vagoni importanti.
Van Avermaet si è vestito di giallo, ringraziando i compagni fra cui un brillante Caruso. E’ amaro pensare che la squadra si scioglierà. Il belga campione olimpico è dato molto vicino alla Dimension Data, che pare stia per perdere il gruppo Cavendish. Porte avrebbe già raggiunto l’accordo con la Trelk-Segafredo, mentre Caruso stesso e Rohan Dennis sarebbero prossimi a passare alla corte di Nibali.