Ma il giorno dopo, riecco il ruggito di Sagan

Il campione del mondo ha masticato amaro ieri nell’essere stato battuto da Gaviria, così ha preso la rabbia giusta e l’ha usata per iegare uno straordinario Colbrelli. Volata a ranghi ridotti a La Roche sur Yon, perché intorno all’ultimo chilometri si cade ancora e vanno giù Gaviria e Matthews: il gruppo si rompe e nello sprint si sfidano in dodici. E’ Demare a lanciare lo sprint, Sagan viene fuori dopo aver sfruttato l’ottimo lavoro di Oss e Burghardt che lo hanno tenuto fuori dalla caduta, infine Colbrelli tenta la rimonta, ma si ferma a un soffio dalla clamorosa vittoria. Ancora cadute, dunque, con Luis Leon Sanchez fratturato e costretto al ritiro assieme a Grmay.