Caruso ci prova e va fortissimo, ma la Tirreno è di Kwiatkowski

TIRRENO-ADRIATICO / Caruso ce l’ha messa davvero tutta, è andato forte a crono come poche altre volte prima in vita sua, ma non è bastato.
«Non fa nulla – ha commentato – ho dato tutto e questo è l’importante. E’ stata la prestazione più bella da quando sono professionista, speriamo di dare un seguito a questo trend e di poter lottare d’ora in avanti per qualche bella corsa».
San Benedetto del Tronto incorona Michal Kwiatkowski sul tetto della Corsa dei Due Mari. Il polacco, partito per la crono con 3 secondi di vantaggio sul siciliano della Bmc, ha mostrato subito un passo potente ed efficace, che gli ha permesso di chiudere con 24 secondi su Caruso e 32 sul compagno Thomas, che proprio nella crono ha scavalcato Landa.
Ora il gruppo prende la via di Sanremo. Fra coloro che oggi si sono nascosti, Sagan e Gilbert sono parsi i più sereni. Guai sottovalutarli…