NUMERO 4 - APRILE 2017

Il Grande Ciclismo è arrivato sulle strade europee e il tasso dello spettacolo è schizzato alle stelle. Finalmente. La Milano-Sanremo si è consegnata a Michal Kwiatkowski, il campione del mondo di Ponferrada 2014, che sul Poggio (con Alaphilippe) è stato bravo a seguire Sagan e poi ha avuto la freddezza per beffarlo nella volata. Ma la vittoria del polacco non è stata una sorpresa. Chiunque lo avesse visto vincere alla Strade Bianche di due settimane prima si aspettava il colpaccio. La Tirreno-Adriatico e la Parigi-Nizza hanno intanto offerto il primo spaccato sulle condizioni degli uomini dei Grandi Giri. Nella corsa italiana, Nairo Quintana li ha messi tutti nel sacco dominando sul Terminillo. Per Nibali e Aru una serie di amari bocconi da mandare giù. Il primo ha individuato i fronti su cui lavorare, il secondo invece si è ritirato per la bronchite e non ha avuto le risposte che cercava. In Francia, a fronte della vittoria di Henao, un sontuoso Contador ha sfiorato l’impresa con un attacco dei suoi che ha infiammato le strade della Costa Azzurra. Un Bicisport ricchissimo quello di aprile. Che entra nella storia di Gianluca Brambilla e nelle scelte di Diego Rosa. Che approfondisce gli intrecci del Congresso europeo della Uec e racconta il debutto di Elisa Balsamo nel WorldTour femminile, nel giorno di Siena dominato da Elisa Longo Borghini. E che prima di chiudere piomba nella Como di Luca Paolini per farsi raccontare a cosa pensa quando si volta verso la sua carriera. E’ tutto su Bicisport di aprile. In edicola, oppure nell’Apple Store e sul web. Imperdibile, come ogni volta…

⁃    Dai quattro campioni una stangata ai tecnici
⁃    Sanremo strappata dagli artigli di Sagan
⁃    E pensare che l’aveva presa per le corna
⁃    Ma Gaviria che fine ha fatto? Sella rotta!
⁃    Un attimo di panico e Colbrelli sparisce…
⁃    E se questo Felline prima o poi esplodesse?
⁃    Adesso entriamo nel sogno di Boonen
⁃    Sorpresa, Quintana ha imparato a colpire
⁃    E i nostri due big? Nibali maluccio
⁃    E Aru? In fuga a colpi di tosse
⁃    «Povero Landa… Sky ti sottovaluta»
⁃    Intanto Nairo lavora a casa sua
⁃    Contador meritava una spinta d’amore…
⁃    Ma Rosa sulla Liegi l’ha sparata grossa…
⁃    Ferretti: «Ehi, Diego sei matto? Ascoltami»
⁃    Al Tour per dare la caccia alle fughe
⁃    Sulle orme dei pro’ a un prezzo super
⁃    Robusta, vivace e dal gran carattere
⁃    In questa bottega ci si sporca le mani…
⁃    Cosa fanno gli “eredi” di Bartoli e Bettini?
⁃    Liberazione addio (è ferito a morte)
⁃    E se il vero ciclismo tornasse in Europa?
⁃    «Vi spiego perché NO ai freni a disco»
⁃    Il polacco s’era già visto nell’acqua del Chianti
⁃    Un’Elisa che onora le strade sterrate
⁃    Un inviato speciale ci narra l’altra Elisa
⁃    Ma Paolini dov’è andato a finire?

Disponibile in versione digitale e per iPad

Ricevi mensilmente la rivista a casa tua

QUESTO MESE - IN PRIMO PIANO

BICISPORT