NUMERO 2 - FEBBRAIO 2017

bicisport

Mentre si avvicina la Tirreno-Adriatico, primo terreno di sfida per Nibali e Aru, la stagione inizia con l’annuncio di Nairo Quintana: il colombiano sarà al Giro d’Italia a caccia dell’edizione numero 100. E a proposito di corsa rosa, abbiamo incontrato Steven Kruijswijk, l’olandese che lo scorso anno arrivò a un soffio dalla vittoria al Giro e i cui sogni si infransero nella famosa caduta nella neve nella tappa del Colle dell’Agnello. Ebbene, ci ha detto che tornerà al Giro per prendersi una bella rivincita… Intanto la stagione è partita al caldo dell’Australia con un Richie Porte già molto determinato. Il corridore della Bmc ha vinto il Down Under e ha un chiodo fisso: il Tour de France. Sarà l’anno buono? Nella gara di Adelaide esordio stagionale anche per il campione del mondo Sagan che non fa mistero di puntare forte sulla Sanremo. Ma non perdete l’intervista esclusiva con la moglie dell’iridato che ci racconta il Peter “privato”. Visto in Argentina un Fernando Gaviria in grande spolvero: il colombiano, dopo la caduta dell’anno scorso, vuole la Sanremo: Sagan, attento… A San Juan c’era anche Boonen che ha iniziato la sua ultima stagione andando subito a segno: il belga si ritirerà nel giorno della Roubaix, dopo aver provato l’assalto alla quinta vittoria (da record…). Siamo stati nel ritiro dell’Uae Abu Dhabi, la nuova formazione di Saronni, per scoprire quattro giovani talenti: Ganna, Consonni, Ravasi e Troìa. Ne sentiremo parlare molto… Un numero ricchissimo di Bicisport è pronto per voi, ma non è finita. Elisa Balsamo, iridata juniores a Doha, ci racconta come è nata la sua passione per il ciclismo e i suoi sogni… Buona lettura a tutti!

⁃    Attenti, tra poco suonerà il gong
⁃    Terminillo: è il ring del primo confronto
⁃    Scrivete che adesso penso solo a Sanremo
⁃    E la moglie lo segue nell’ombra (mica tanto)
⁃    Quanto vale Gaviria? Lo saprete tra poco…
⁃    Mamma mia che Roubaix. Per Boonen sarà l’addio…
⁃    Ma perché gli inglesi potrebbero rovinarmi?
⁃    Riecco Porte. La testa è già alla maglia gialla…
⁃    C’è il Tour nei sogni (segreti) di Chaves
⁃    Ma Corti che lo ama gli grida: «Giro, Giro»
⁃    Un avviso ai nostri. State attenti all’olandese
⁃    L’eroico rinascimento della bici italiana
⁃    Perché la sognano in tutto il mondo?
⁃    Comfort e qualità per le Gran Fondo
⁃    Dalla galleria del vento alla strada
⁃    Bertocco, è fatta! Preso il titolo…
⁃    Conci, ma chi è? Il bimbo che vola sulle montagne
⁃    E Di Rocco stravince dribblando gli intrighi
⁃    Kubler in fuga nel cielo dei grandi
⁃    Vuelta dura (di più). Decide l’Angliru
⁃    Quattro purosangue nel recinto di Maini
⁃    L’impegno di Ganna? Aumentare la resistenza
⁃    Consonni, pivello d’oro che parte da zero
⁃    E Ravasi tra i pro’, nel pieno d’una fiaba
⁃    Quel Troìa cui tutti chiedono un aiuto
⁃    Il ciclismo che mi ha messo il fuoco nelle vene
⁃    In arrivo un Aru col furore dei sardi

Disponibile in versione digitale e per iPad

Ricevi mensilmente la rivista a casa tua

QUESTO MESE - IN PRIMO PIANO

BICISPORT