C’è il cuore di Elisa nel pasticcio olandese…

Olimpiadi. Parte la fuga al chilometro zero, le favorite olandesi non chiudono. L’austriaca Kiesenhofer vola verso l’oro. Poi negli ultimi chilometri la corsa si riapre ma solo per la piazza d’onore. Scatta la Van Vleuten, è seconda ma alza le mani pensando (clamoroso errore) di aver vinto. Grande stoccata della campionessa piemontese che riesce ad agguantare una splendida medaglia di bronzo, la seconda dopo quella di Rio.