Caro Formolo ci sveli l’altra faccia di Pogacar?